Brand

Da vicino con un brand fresco e sostenibile: Patrick Cupido

July 7, 2022

Da vicino con un brand fresco e sostenibile: Patrick Cupido

Il designer americano Patrick Cupid ha lanciato il suo brand omonimo nel 2017. Formatosi al F.I.T. e alla Parsons di New York e al Politecnico di Milano, Patrick ha lavorato tra gli Stati Uniti e l'Europa per più di dieci anni. Il suo lavoro esemplifica un "semi-stile" che attraversa i confini e le occasioni; una miscela perfetta di lusso, professionalità, avanguardia e casual che rimane unicamente individuale. 

His fluid, cultured, and sustainable approach to design has earned him many accolades. An F.I.T. Critics Choice Award winner in 2013, Patrick received the CFDA Harlem Fashion Row Icon 360 grant in 2020, was named ‘One to Watch’ by Industry.Fashion, and has been nominated for two La Jolla International Fashion Film 2021 awards. 

Abbiamo avuto modo di parlare con Patrick del suo brand, della sua ultima collezione e dei suoi progetti per il futuro.

Tell us a bit about your approach

It’s a new take on American style. A new perspective, a new point of view. One of the key points of my work is a very strong sense of colour. I use very art-inspired prints, whether geometric or in a more painterly, abstracted style: very fluid in form and motion.

La gente vuole sapere cosa c'è dietro il brand, la ricerca, l'ispirazione e tutto ciò che viene fatto in ogni collezione. Per me si tratta sempre di approfondire la cultura che sta dietro al concetto, alle idee che si riflettono negli stili, nelle forme, nei colori. Le stampe non vengono tirate fuori dal nulla, ma vaglio informazioni dettagliate e storia.

What was the inspiration for your newest collection?

My most recent collection, Agrestal, plays into modern fantasy. It starts with a fable: the story of a woman who resides in a forest world, but who emerges from it to discover the new world of the city. Nature is rough. It’s not about even forms, perfect circles and squares. It’s full of shapes with no names that are beautiful just as they are. And unique. No two flowers are exactly alike, no two trees. Nothing in nature has an exact copy.

And with that comes a great deal of sentimental value, because you appreciate items as they are.  Rough or smooth, old or new. The story touches on that. With the knitwear, I played with the notion of hand-me-downs. Some might have been passed through generations, others might have needed repair or been repurposed: cut up to make a more contemporary version. To help the heroine fulfil her idea of what life in this new urban world is like.

The heroine of the collection is an outsider to this new world—and that’s okay. You can come from one world, like the forest, and have love and respect and appreciation for it. But it doesn’t have to be all of who you are. You can be curious, seek to discover other worlds, other facets, other parts of yourself.

Do you have any favorite pieces?

Il mio preferito è stato sicuramente il maglione di seconda mano, mentre il vestito della nonna è probabilmente il mio secondo preferito. Poi la tuta, che è stata una sorpresa. È la prima tuta che faccio per il brand. La stampa è sempre un po' diversa. Quando l'ho vista durante il servizio fotografico... non sono molto sentimentale, ma ero quasi in lacrime.

You said the print is different each time: why is that?

My pieces are not cut to match. I believe in responsible design, so I try to consume as much of the fabric as possible, to leave as little waste as possible. The prints are never designed to match up: any way you cut them, you’ll always get something new. Every size is similar but distinct. It mimics nature, so everyone gets something unique and special.

You built sustainability into your design ethos. Can you talk to us about that? 

I am a child of the city, but my heart also belongs to nature. I understand how much waste fashion can create and I don’t want to do that. I use as many natural fibers as possible. I create the prints so we use as much of the fabric as possible, in as many ways as we can. When skirts are pleated, I cut in a full circle rather than A-line, in order to fully use the yardage. If I have leftover fabrics from previous collections, I’ll move them forward or use them for sampling. I’ll bucket-dye them myself, or turn them into linings. 

I even used deadstock in my most recent collection. It’s a tricky choice: if there are a lot of orders, I won’t be able to replace it. But I fell in love with the fabric, and felt not only that it was right for the collection, but was also glad that the fabric wasn’t going to landfill.

How did you decide to work with JOOR?

Il mio è un brand abbastanza nuovo. Stavo cercando un modo per far conoscere la collezione, per farla conoscere alla gente. Trovare nuove strade, percorsi alternativi per arrivare al pubblico è sempre una preoccupazione. Quindi avevo già fatto delle ricerche sulle piattaforme online. Poi è arrivata la pandemia. 

I was able to call JOOR, to talk to the folks there, and really have a conversation about what they have to offer. Then I won the Icon 360 grant. The CFDA partners with JOOR, so it was as if the universe was saying “JOOR’s been waiting for you: let’s make this work.” And it was the best thing to happen.

Le mie prime vendite effettive sono avvenute tramite JOOR, durante la pandemia. Anche durante la quarantena, le persone hanno potuto entrare, per così dire, online. Hanno potuto vedere il brand e hanno apprezzato la collezione: hanno fatto degli ordini. Sono stata in grado di far pervenire gli ordini ai retailer, che sono rimasti soddisfatti e alcuni di loro li hanno riordinati subito. I miei migliori clienti sono merito della mia collaborazione con JOOR.

Do you see yourself continuing to work with JOOR?

Assolutamente sì. È necessario nel mondo in cui viviamo. Per me rende il lavoro molto più semplice, sia che ci incontriamo dal vivo a Parigi o a New York, sia che ci incontriamo online in uno showroom virtuale. Se un cliente vuole fare un ordine, non devo fare altro che andare online e collegare tutto. Si risparmia così tanto tempo ed energia. I retailer possono tornare indietro e guardare altri articoli, collezioni precedenti, persino altre varianti di colore. In questo modo si amplia davvero la gamma di opzioni. Per un brand delle mie dimensioni, è un enorme aiuto alla vendita.

Any big plans for the future?

Quando si tratta di abbigliamento, alle persone piace ancora toccare e sentire. Stiamo valutando la possibilità di aprire un punto vendita per dare loro questa possibilità. E vorremmo espanderci in Asia. Ho fissato degli incontri con acquirenti giapponesi e stiamo parlando con aziende della Corea del Sud. Il brand è ancora molto giovane, ma si sta muovendo. Sono entusiasta di questo. 

What would you say to aspiring designers and people starting out in the industry?

Be curious. Stay curious. Never be afraid to question things or venture outside your environment. When you encounter something you don’t understand, just ask. Or pick up a book, see where it takes you. It may surprise you how things come together in the end. Everything in our lives that we like, that interests us, guides us somewhere.

Trasformate il vostro canale wholesale con JOOR.
Richiedi oggi una dimostrazione personalizzata.

Richiedete una demo
Etichette:
Brand
,
Retailer
,
Vendite virtuali
,
Showroom Virtuale
,
Gestione wholesale
,

Di tendenza.

Contattaci e scopri come JOOR può trasformare il vostro business wholesale

REGISTRATI OGGI A JOOR